Vitamina k – cos’è, a cosa serve e dose giornaliera

Quali alimenti contengono la vitamina K

La vitamina K è una delle vitamine liposolubili che vengono accumulate nel fegato e non devono dunque essere assunte di continuo, attraverso i cibi.

E’ rilasciata dal corpo gradualmente, quando essa diviene necessaria all’organismo.

Essa è essenziale nel processo di coagulazione del sangue e assicura la funzionalità delle proteine che formano e mantengono in forma le ossa.

La vitamina K è prodotta dal nostro intestino.

E’ anche contenuta negli alimenti di origine vegetale come:

  • i pomodori ( vitamina k),
  • gli spinaci,
  • i cavoli
  • le cime di rapa
  • è presente anche nel fegato.

Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina K?

Il fabbisogno giornaliero di vitamina K, o naftochinone, è di circa 1 mg al giorno per ogni chilogrammo di peso corporeo, quantità che è soddisfatta da una dieta normale.

Effetti comuni della carenza di vitamina K

Tra gli effetti più comuni della carenza di vitamina K ricordiamo:

  1. fratture ossee, 
  2. osteoporosi,
  3. forme di artrosi,
  4. le emorragie sono altri possibili effetti della carenza di questa vitamina, dal momento che la vitamina K, o naftochinone, è impiegata nel processo di coagulazione del sangue.

Si tratta di una carenza molto rara, che dipende da patologie che impediscono il regolare assorbimento intestinale o di cure prolungate a base di antibiotici.

Cosa provoca l’eccesso di naftochinone

L’eccesso di vitamina K è molto raro negli adulti ed altrettanto rari sono i suoi effetti:

  • vomito,
  • anemia,
  • trombosi,
  • sudorazione eccessiva,
  • vampate di calore,
  • senso di oppressione al petto.

E’ possibile riscontrare un eccesso di vitamina K nei neonati, sempre che essi siano stati sottoposti ad una somministrazione di integratori vitaminici eccessivi.

I sintomi di tale situazione sono analoghi a quelli dell’itterizia.

Interessante la lettura degli articoli: vaccino meningococco; vaccino morbillo parotite rosolia; vaccino antinfluenzale; vaccino neonati quali sono; vitamina b tutto l’anno.

Il naftochinone viene suddivisa in tre gruppi, quali?

I tre gruppi in cui è suddivisa la vitamina K sono: 

vitamina K1 (fillochinone), 

vitamina K2 (menachinone)

vitamina K3 (Menadione idrosolubile).

La classificazione si basa sulle origini, sulla natura e sulle funzioni di ciascuna di queste vitamine. Esse sono le seguenti:

La vitamina K1 (fillochinone) è di  origine vegetale, ed è la vitamina più presente nelle diete, che interviene nei processi di coagulazione del sangue;

La vitamina K2 (menachinone) è di origine batterica. Favorisce l’assorbimento della microflora intestinale ed è essenziale per il benessere delle ossa;

La vitamina K3 (Menadione idrosolubile) è di origine sintetica.

Si tratta di una vitamina che, dopo la sua creazione, è inserita in farmaci rivolti al regolamento dei processi di coagulazione del sangue.

Related Posts

Comments

Rimani connesso

20,829FansMi piace
2,506FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

storie recenti

Giochi educativi nei bambini: quali sono e dove si comprano

I giochi educativi bimbi da 1-3 anni sono una componente essenziale dell’infanzia.Infatti, dietro ad un semplice divertimento, il...

Dolci di Natale Pugliesi da fare durante le feste natalizie

Ricette dolci di Natale PugliesiDi seguito alcune ricette di dolci di Natale pugliesi da fare anche con i...

Dischetti struccanti lavabili: i migliori dischetti per rimuovere il makeup

Cosa sono i dischetti struccanti lavabili e riutilizzabili?I dischetti struccanti lavabili sono l’alternativa sostenibile ai classici dischetti di cotone idrofilo usa...

La casa di Babbo Natale: i villaggi e le case di Babbo Natale

Benvenuti nella Casa di Babbo NataleLa casa di Babbo Natale. Dove vive? In viaggio per la Lapponia.

Latte materno in frigorifero conservazione e congelamento

Latte materno in frigorifero: cosa fare e cosa è meglio evitareIl latte materno in frigorifero come si conserva?