Vaccino neonati quali sono? Quando farli? Benefici e rischi

Cos’e’ il vaccino neonato?

Vaccino neonati  è la vaccinazione prevista nell’arco dei primi mesi di vita di un infante.

Di seguito parleremo dei vaccini dell’età evolutiva previsti nell’arco dei primi 12 mesi di vita:

  • degli agenti infettivi contro cui sono rivolti le varie vaccinazioni
  • la tipologia di vaccino neonati,
  • le modalità di somministrazione,
  • i dosaggi,
  • il calendario vaccinale di ogni dosaggio,
  • i possibili rischi, le eventuali controindicazioni e tante altre informazioni utili.

Cos’e’ il vaccino neonati: un riepilogo

Un vaccino è una preparazione farmacologica che permette di creare un’immunizzazione nei confronti di uno o più determinati microrganismi patogeni.

Esistono tre grandi tipologie di vaccini:

  1. vaccini vivi attenuati.
  2. inattivati.
  3. vaccini ad antigeni purificati. (vaccino neonati)

I vaccini agiscono attivando il sistema immunitario stimolandolo a produrre anticorpi.

I vaccini hanno effetto in un periodo che va dalle 2 alle 4 settimane.

Quali sono i vaccini nei neonati?

vaccini nei neonati sono in totale 9:

  • l’anti difterite(vaccino neonati)
  • l’anti tetano,
  • l’anti pertosse,
  • l’anti poliomielite,
  • l’anti epatite B,
  • l’anti Haemophilus influenzae di tipo B,
  • l’anti pneumococco coniugato,
  • l’anti meningococco B 
  • l’anti rotavirus.

Occorre tuttavia precisare fin da subito che i vaccini anti difterite, anti tetano, anti pertosse, anti poliomielite, anti epatite B e anti Haemophilus influenzae di tipo B sono tipicamente raggruppati in un unico preparato, denominato vaccino esavalente;

ciò comporta, pertanto, che il numero di vaccinazioni a cui è effettivamente sottoposto un neonato sia soltanto 4:

  • il vaccino esavalente,
  • il vaccino anti pneumococco coniugato,
  • il vaccino anti meningococco B
  • il vaccino anti rotavirus.

Vaccini nei Neonati: Quali sono gli Obbligatori e Quali i Raccomandati?

Tra i vaccini praticati ai neonati, sono obbligatori i vaccini anti difterite, anti tetano, anti pertosse, anti poliomielite, anti epatite B e anti Haemophilus influenzae di tipo B (in sostanza il vaccino esavalente), mentre sono raccomandati ma non obbligatori i vaccini anti meningococco B, anti pneumococco e anti rotavirus.

Vaccino Esavalente

Il vaccino esavalente raggruppa in sé 5 vaccini ad antigeni purificati, che sono l’anti difterite, l’anti tetano, l’anti pertosse, l’anti epatite B e l’anti Haemophilus influenzae di tipo B, e un vaccino inattivato, che è ovviamente l’anti-poliomielite.

Somministrazione del Vaccino Esavalente

Nei neonati, la somministrazione del vaccino esavalente si ripartisce in 3 dosaggi e avviene tramite un’iniezione intramuscolo a livello della porzione latero-superiore della coscia.

Calendario del Vaccino Esavalente

Secondo il calendario vaccinale, i 3 dosaggi di vaccino esavalente nei neonati sono previsti:

  • Il primo all’inizio del 3° mese di vita (61° giorno di vita o 2 mesi di vita più un giorno);
  • Il secondo all’inizio del 5° mese di vita (121° giorno di vita o 4 mesi più un giorno);
  • Il terzo tra l’11° e il 13° mese di vita (in genere, si colloca al 12° mese di vita).

Importante

Mentre le vaccinazioni contro epatite B e Haemophilus influenzae di tipo B terminano al 12° mese di vita, quelle contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite sono soggette a richiami.

Per la precisione, sono previsti un richiamo tra i 5 e i 6 anni di vita e un richiamo tra i 14 e i 15 anni di vita per difterite, tetano, pertosse e poliomielite, e un richiamo ogni 10 anni, a partire dai 15 anni di vita, soltanto per difterite, tetano e pertosse.

Vaccino Anti Difterite

Nel vaccino anti difterite, la sostanza utile a evocare la risposta immunitaria è il cosiddetto tossoide difterico.

La difterite è una grave malattia contagiosa, dovuta al batterio Corynebacterium diphtheriae, che, oltre a provocare una severa infiammazione delle vie respiratorie, può causare anche danni al sistema nervoso, al cuore e ai reni.

Vaccino Anti Tetano

Nel vaccino anti tetano, la sostanza utile a evocare la risposta immunitaria è il cosiddetto tossoide tetanico.

Il tetano è una grave malattia infettiva non contagiosa, prodotta dalle spore del batterio Clostridium tetani, che intacca il sistema nervoso centrale e produce spasmi muscolari capaci di determinare insufficienza respiratoria.

Vaccino Anti Pertosse

Nel vaccino anti pertosse, la sostanza utile a evocare la risposta immunitaria è più d’una: il tossoide pertossico, l’emoagglutinina filamentosa e la pertactina.

La pertosse è una malattia infettiva contagiosa, dovuta al batterio Bordetella pertussis, che scatena crisi di tosse così gravi che, nei bambini molto piccoli, possono portare alla morte per mancanza di respiro.

Vaccino Anti Poliomielite

Nel vaccino anti poliomielite, la sostanze utile a evocare la risposta immunitaria è più d’una: i virus inattivati della poliomielite PV1, PV2 e PV3.

La poliomielite (o semplicemente polio) è una malattia infettiva grave e contagiosa, causata dal virus Poliovirus, che può avere importanti ripercussioni sul sistema nervoso centrale.

Vaccino Anti Epatite B

Nel vaccino anti epatite B, la sostanza utile a evocare la risposta immunitaria è il cosiddetto antigene di superficie ricombinante.

L’epatite B è una pericolosa infezione contagiosa, dovuto al virus HBV, che danneggia il fegato.

Vaccino Anti Haemophilus influenzae di tipo B

Nel vaccino anti Haemophilus influenzae di tipo B, la sostanza utile a evocare la risposta immunitaria è il cosiddetto polisaccaride derivato di Haemophilus influenzae.

Haemophilus influenzae di tipo B è una malattia infettiva contagiosa, provocata dall’omonimo batterio, che, nei soggetti di giovanissima età, può causare forme di meningite, polmonite, pericardite, osteomielite o setticemia.

Vaccino Anti Pneumococco Coniugato

Lo pneumococco è un batterio trasmissibile per via aerea, che può causare forme di polmonite, meningite, setticemia, otite e artrite settica dalle conseguenze gravi e, talvolta, mortali.

Il vaccino anti pneumococco coniugato attualmente in uso nei neonati è un vaccino ad antigeni purificati, i cui ingredienti fondamentali per ottenere l’immunizzazione voluta sono:

  • Un antigene polisaccaridico inattivato appartenente alla capsula del batterio pneumococco e
  • Una proteina inattivata derivante dalla tossina difterica, il cui scopo è aumentare la risposta anticorpale all’ingrediente precedente.

Somministrazione del Vaccino Anti Pneumococco Coniugato

Nei neonati, la somministrazione del vaccino anti pneumococco coniugato si ripartisce in 3 dosaggi e avviene per via parenterale, tramite un’iniezione intramuscolo a livello della porzione latero-superiore della coscia.

Calendario del Vaccino Anti Pneumococco Coniugato

Secondo il calendario vaccinale, nei neonati i 3 dosaggi di vaccino anti pneumococco coniugato sono previsti:

  • Il primo al 3° mese di vita (vaccino neonati);
  • Il secondo al 5° mese di vita;
  • Il terzo tra l’11° e il 13° mese di vita.

Il vaccino anti pneumococco coniugato per neonati può essere somministrato assieme ad altre vaccinazioni; a tal proposito, capita spesso che la sua attuazione coincida con quella del vaccino esavalente.

Vaccino Anti Meningococco B

Il meningococco B è un batterio della specie Neisseria meningitidis, noto per essere uno dei principali agenti eziologici di due infezioni molto gravi e ad alto tasso di mortalità, soprattutto nei più giovani: la meningite meningococcica e vvla sepsi da meningococco.

Il vaccino anti meningococco B è un vaccino ad antigeni purificati, i cui ingredienti fondamentali per ottenere l’immunizzazione voluta sono:

  • Tre tipiche proteine presenti sulla superficie di tutti i sottotipi di Neisseria meningitidis (l’adesina neisserica A, la proteina di legame del fattore H e l’antigene legante l’eparina neisserica) e
  • La membrana esterna, ridotta in vescicole, del meningococco B.

Somministrazione del Vaccino Anti Meningococco B

Nei neonati, la somministrazione del vaccino anti meningococco B si ripartisce in 2 o 3 dosaggi (il numero preciso dipende da quando inizia il ciclo di vaccinazione) e avviene per via parenterale, tramite un’iniezione intramuscolo a livello della porzione latero-superiore della coscia.

Calendario del Vaccino Anti Meningococco B

Per i neonati al di sotto dei 6 mesi di vita, la somministrazione del vaccino anti meningococco B prevede 3 dosaggi, di cui il primo generalmente al 3° mese di vita e i successivi a un mese di distanza dal precedente.

Per i neonati che hanno appena superato i 6 mesi di vita, invece, la somministrazione del vaccino anti meningococco B prevede solo 2 dosaggi, di cui il primo generalmente al 7° mese di vita e il secondo entro i due mesi successivi.

È importante segnalare che il vaccino anti meningococco B non è somministrabile assieme ad altri vaccini e che tra la sua attuazione e quella di un altro vaccino devono intercorrere sempre almeno 15 giorni.

Importante

Il vaccino anti meningococco B è soggetto a richiamo.
Per i neonati sottoposti al ciclo di somministrazione a 3 dosaggi, il richiamo è previsto tra il 12° e il 15° mese di vita; per i neonati sottoposti al ciclo di somministrazione a 2 dosaggi, invece, il richiamo è previsto entro e non oltre il 2° anno di vita.

Consigliamo la lettura dei nostri articoli: Vaccino varicella

Vaccino Anti Rotavirus

Il rotavirus è un virus noto per essere la principale causa di diarrea e, più in generale, di gastroenterite, nei neonati e nei bambini.
A rendere pericoloso il rotavirus è la possibilità che, nei più giovani determini una stato di disidratazione tale da causare complicanze talvolta mortali per il paziente.

Il vaccino anti rotavirus è un vaccino vivo attenuato; esso contiene, quindi, una quota di rotavirus viva, ma indebolita.

Somministrazione del Vaccino Anti Rotavirus

Nei neonati, la somministrazione del vaccino anti rotavirus si ripartisce in 2 o 3 dosaggi (il numero preciso dipende da tipo di preparato vaccinale impiegato) e avviene per via orale, tramite un apposito applicatore con stantuffo.

Calendario del Vaccino Anti Rotavirus

Se si ricorre al preparato vaccinale a 2 dosaggi, il ciclo di somministrazione del vaccino anti rotavirus deve concludersi al massimo alla 24esima settimana di vita del neonato e deve attenersi al seguente calendario:

  • La prima dose tra la 6a e la 12esima settimana di vita (di solito si esegue a 2 mesi);
  • La seconda dose ad almeno 4 settimane di distanza dalla prima (generalmente si esegue a 4 mesi).

Se invece si ricorre al preparato vaccinale a 3 dosaggi, il ciclo di somministrazione del vaccino anti rotavirus deve concludersi al massimo alla 32esima settimana di vita del neonato e deve rispettare il seguente calendario:

  • La prima dose tra la 6a e la 12esima settimana di vita (in genere si esegue a 2 mesi);
  • La seconda dose ad almeno 4 settimane di distanza dalla prima (in genere si esegue a 4 mesi);
  • La terza dose ad almeno 4 settimana di distanza dalla seconda (di norma si esegue a 6 mesi).

Rischi

I Vaccini nei Neonati sono Rischiosi?

I vaccini per neonati sono farmaci e, in quanto tali, possono avere effetti avversi, talvolta anche seri.
Tuttavia, è doveroso precisare che il più delle volte gli effetti avversi riscontrati sono disturbi di lieve entità clinica e che gli effetti avversi più gravi sono una vera rarità.

Quindi, in sostanza, i vaccini per neonati possono considerarsi dei farmaci sicuri, a basso rischio.

Consigliamo anche la lettura dei seguenti articoli: yogurt in gravidanza; latte vaccino; latte di soia; semi di chia in gravidanza; ricette bambini 18 mesi

Quali sono gli Effetti Avversi dei Vaccini nei Neonati?

Comuni effetti avversi dei vaccini praticati ai neonati sono:

  • Rossore, gonfiore e/o dolore in sede di iniezione (VACCINO NEONATI);
  • Febbre sopra i 38 gradi;
  • Irritabilità;
  • Sonnolenza o sonno disturbato;
  • Diarrea e/o vomito (solo nel caso del vaccino anti rotavirus).

Effetti avversi rari, se non addirittura molto rari, delle vaccinazioni eseguite sui neonati sono invece:

  • Reazione allergica a una sostanza contenuta nel vaccino;
  • Febbre sopra i 40 gradi;
  • Convulsioni febbrili.

Controindicazioni

Quali Neonati non possono Vaccinarsi?

I vaccini previsti nei primi 12 mesi di vita di un individuo sono da considerarsi controindicati per tutti quei neonati che hanno presentato una reazione allergica a uno degli eccipienti contenuti in questi stessi vaccini o che hanno manifestato una reazione allergica a una dose precedente di questi stessi vaccini.

Perché Vaccinare i Neonati?

  • I vaccini e il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie hanno permesso di eradicare determinate malattie infettive contagiose molto gravi, come per esempio la poliomielite, e di portarne altre quasi all’estinzione.
  • Le vaccinazioni proteggono non solo il ricevente ma anche le altre persone;
    La vaccinazione di massa, quindi, protegge chi non può vaccinarsi.
  • I vaccini disponibili oggi per i neonati sono efficaci e sicuri.

Related Posts

Comments

Rimani connesso

20,829FansMi piace
2,444FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

storie recenti

Mascherine antivirus chirurgiche o di tessuto

Stiamo vivendo la preannunciata e tanto attesa fase 2. Le mascherine rappresentano uno strumento fondamentale al fine di evitare di contrarre o...

Allergie alimentari sintomi e cause

Come riconoscere una vera allergia alimentare Sintomi e Segni più comuniAllergie alimentari sintomi :Abbassamento...

Carenza vitamina D nei bambini: sintomi, cause e rimedi

Vitamina D un tesoretto per i bimbiCarenza vitamina D: Si registra una percentuale molto elevata di bambini e...

Omega 3 benefici tutto quello che c’è da sapere

Quali Omega 3 assumere, proprietà, benefici e controindicazioniGli acidi grassi Omega 3 sono un tipo di grassi polinsaturi considerati essenziali in...

Vitamina k – cos’è, a cosa serve e dose giornaliera

Quali alimenti contengono la vitamina KLa vitamina K è una delle vitamine liposolubili che vengono accumulate nel fegato e...