Vaccino antinfluenzale: perché è importante farlo

Che cos’è e come funziona il vaccino antinfluenzale

Il vaccino antinfluenzale è un efficace strumento di prevenzione e protezione dai virus responsabili dell’influenza stagionale e dei sintomi correlati.

Si tratta di un prodotto biologico costituito da componenti del virus, che stimolano il sistema immunitario senza provocare le manifestazioni dell’infezione che si vuole prevenire.

Inoltre, a seconda del tipo e della modalità di preparazione, agli antigeni possono essere aggiunte altre sostanze adiuvanti che aiutano il sistema immunitario a sviluppare una protezione migliore e più duratura.

Come si fa il vaccino antinfluenzale

Il vaccino antinfluenzale viene somministrato, in un’unica dose, con un’iniezione intramuscolare

  • nel braccio dai 9 anni in su ( vaccino antinfluenzale)
  • nella coscia per i bambini più piccoli.

Consigliamo la lettura dei nostri articoli : vaccino neonati quali sono; vaccino varicella; latte vaccino; yogurt in gravidanza; semi di chia in gravidanza.

Il vaccino antinfluenzale per chi è indicato 

Il vaccino antinfluenzale è indicato per tutti i soggetti, adulti e bambini (a partire dai 3 anni d’età), poiché rappresenta una importante misura di protezione dall’influenza. 

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali maggiormente frequenti che possono emergere dopo la vaccinazione sono:

  • la febbre
  • sintomi locali come arrossamento e gonfiore localizzato dove è stata effettuata l’iniezione.

Perché il vaccino antinfluenzale va ripetuto ogni anno

A causa delle frequenti mutazioni, il virus influenzale potrebbe non essere riconosciuto dal sistema immunitario già pochi mesi dopo l’infezione.

Per tale ragione è consigliato ripeterlo ogni anno.

I virus che causano l’influenza sono soggetti a cambiamenti che li rendono sfuggenti.

Per questo motivo, anche se si è contratta l’influenza in precedenza, non è detto che il nostro sistema immunitario sia in grado di riconoscere il virus che si ripresenta l’anno successivo.

Chi produce i vaccini, tuttavia, non è sempre in grado di prevedere con massima esattezza come il virus muterà e quali saranno i ceppi virali che colpiranno in futuro. Viene dunque effettuata una scelta ponderata e i vaccini prodotti proteggeranno contro i ceppi più probabili.

Sebbene questo meccanismo non sia perfetto (l’efficacia potrebbe non essere del cento per cento), garantisce comunque una protezione molto buona all’interno della popolazione.

Influenza e vaccini: le raccomandazioni per la stagione 2020-2021

L’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus ha reso indispensabile rafforzare la capacità di reazione in tempi brevi del sistema sanitario. La vaccinazione antinfluenzale è un alleato importante e risulta fondamentale per le persone ad alto rischio, sia per la tutela della loro salute, sia per semplificare la gestione e le diagnosi tra i casi sospetti COVID-19 e i casi di influenza stagionale, i cui sintomi sono tra loro molto simili.

Le vaccinazioni antinfluenzali sono erogate:

  • dai Medici di Medicina Generale che aderiscono alla campagna;
  • presso i Centri vaccinali delle ASST;
  • nei luoghi dedicati, individuati dalle ASST anche con la collaborazione dei Comuni.

Related Posts

Comments

Rimani connesso

21,591FansMi piace
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

storie recenti