Sintomi di gravidanza extrauterina: cause e conseguenze

Sintomi di gravidanza extrauterina: dopo quanto tempo si mostrano?

Sintomi di gravidanza extrauterina compaiono all’incirca dopo la quinta settimana dal concepimento e sono molto simili a quelli di una gravidanza normale:

  • assenza di mestruazioni ( sintomi di gravidanza extrauterina),
  • dolore al basso ventre, 
  • mal di schiena,
  • tensione al seno
  • nausea.

In alcuni casi si può avere anche fastidio mentre si urina. 

Man mano che la gravidanza va avanti possono comparire delle perdite di sangue, spesso scambiate per mestruazioni.

Anche il mal di pancia può aumentare, specialmente nei casi di gravidanza con sede a livello della tuba, che si dilata in seguito all’impianto dell’embrione.

Alcune donne lamentano anche dolori alla spalla. 

Se i sintomi peggiorano è bene recarsi d’urgenza al Pronto Soccorso perché può essersi verificata una rottura della tuba, e questo può rappresentare un rischio serio per la salute della donna.

Come riconoscere una gravidanza extrauterina? E cos’è il beta hcg?

Per riconoscere una gravidanza extrauterina il test che utilizziamo è l’ecografia, che permette di visualizzare la posizione dell’embrione all’interno dell’utero e il dosaggio nel sangue di un ormone prodotto dalla placenta detto “gonadotropina corionica” o beta HCG.

I livelli di questo ormone raddoppiano ogni 48-72 ore nella gravidanza normale, mentre aumentano molto lentamente nei casi di gravidanza extrauterina.

Bisogna sempre ricordare, però, che una diagnosi precoce è sempre importante perché consente di tenere sotto controllo la situazione ed evitare di andare incontro a problemi seri, come la rottura della tuba.

Gravidanza extrauterina e test di gravidanza

Se il test di gravidanza effettuato attraverso il dosaggio dei livelli di beta HCG sul sangue viene fatto troppo presto, è possibile avere un test negativo.

Questo si verifica perché, come abbiamo scritto prima, i livelli di questo ormone aumentano molto più lentamente nella gravidanza extrauterina rispetto a una gravidanza normale.

Anche la stessa ecografia, se eseguita troppo precocemente, può risultare negativa.

Se il risultato ecografico è negativo, ma i livelli di beta HCG sono aumentati e la donna presenta sintomi tipici, la conferma di gravidanza extrauterina si può ottenere solo con l’intervento chirurgico in laparoscopia.

Gravidanza extrauterina: le conseguenze

La maggior parte delle gravidanze extrauterine si interrompono con un aborto spontaneo durante le prime quattro settimane.

Se ciò non si verifica o se la diagnosi viene fatta prima della quarta settimana si hanno tre possibilità:

  1. “Vigile attesa”. La donna viene seguita attentamente attraverso controlli ravvicinati (ecografie, visite ed esami del sangue) e si attende che la situazione si risolva da sola con l’aborto.(sintomi gravidanza extrauterina)
  2. Terapia medica. Consiste nella somministrazione di un farmaco, il metotrexate, che blocca la crescita dell’embrione.
  3. Intervento chirurgico. Viene indicato nei casi di gravidanza extrauterina  in cui la paziente non può assumere la terapia medica o se quest’ultima non ha sortito alcun effetto.

Dopo una gravidanza extrauterina, quando riprovare a rimanere di nuovo incinta?

Una donna può rimanere incinta subito dopo una gravidanza extrauterina?

La risposta è sì.

Le gravidanze extrauterine che si sono concluse spontaneamente con un aborto e senza danno delle tube non comportano problemi di fertilità.

Bisogna però sapere che il rischio di avere un’altra gravidanza extrauterina aumenta di circa quattro volte nelle donne che ne hanno già avuta una.

Per quanto riguarda invece l’intervallo di tempo che deve trascorrere prima di programmare una nuova gravidanza non esistono delle limitazioni.

L’unica eccezione è costituita dai casi di gravidanza extrauterina trattati con metotrexate, per i quali si consiglia di far trascorrere almeno tre mesi prima di una nuova gravidanza a causa degli effetti che questo farmaco potrebbe avere sulle prime fasi di sviluppo dell’embrione.;

Consigliamo la lettura dei nostri articoli: Fibrosi cistica sintomi nei bambini: cause e prevenzione; Stitichezza neonato: rimedi naturali e consigli utili; Calcolatore percentili: il calcolo curva di crescita dei bambini; Sondino rettale neonati, tutto quello che dobbiamo sapere quando ha le coliche; Dolori premestruali, sintomi pre ciclo e sindrome… le cure; Azoturia alta: cosa è, sintomi, cause, cura e dieta .

Related Posts

Comments

Rimani connesso

22,046FansMi piace
2,952FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

storie recenti