Autismo e vaccini cosa c’è da sapere?

Autismo e vaccini : cosa c’è di vero?

(Autismo e vaccini) L’autismo caratterizza lo sviluppo di un bambino e si manifesta con alcune difficoltà nelle relazioni sociali, nella comunicazione e nei comportamenti.

Alla fine degli anni ’90, questa condizione, fu associata alla vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia.

VACCINI E AUTISMO: LA STORIA


Oggi abbiamo a disposizione molti dati che ci permettono di stabilire con sicurezza che non esiste alcuna associazione di alcun tipo tra autismo e vaccini.


Molti studi hanno affrontato l’aspetto epidemiologico valutando la frequenza dell’autismo nelle persone vaccinate e in quelle non vaccinate.


Una delle ipotesi scientifiche formulate riguardava una maggiore quantità di antigeni contenute nei vaccini che stimolano la risposta immunitaria, somministrata ai pazienti che poi sviluppavano autismo.


Un’ulteriore ipotesi riguardava il possibile ruolo di alcuni conservanti a base di mercurio contenuti nei vaccini ed eventuali altri ingredienti. 


L’autismo è una condizione particolarmente complessa e ad oggi non completamente chiarita. Il difetto dello sviluppo neurologico dell’autismo può avere cause molteplici.

L’autismo può essere collegato ad alterazioni di parecchie centinaia di geni che possono interagire l’uno con l’altro e con l’ambiente esterno.

Vi potrebbero interessare i nostri articoli: Nausea in gravidanza maschio o femmina; Mal di schiena gravidanza : cosa fare? ; Sintomi di gravidanza extrauterina: cause e conseguenze; Slime Fluffy preparato in casa per i vostri bimbi; Linguaggio bambini: disturbi specifici linguaggio

I VACCINI POSSONO CAUSARE L’AUTISMO?


I vari studi scientifici e le prove che ormai sono state raccolte negli ultimi decenni indicano con certezza che non esiste correlazione tra vaccini e autismo.

Il timore che le vaccinazioni potessero essere un fattore di rischio per questa condizione ha, in passato, causato confusione e incertezza che inevitabilmente hanno abbassato il numero dei vaccinati per morbillo-parotite-rosolia in molti Paesi.

Tutto ciò ha favorito il ritorno di alcune malattie che sembravano virtualmente sconfitte, in particolare del morbillo, con gravi conseguenze e molti decessi.

Related Posts

Comments

Rimani connesso

22,046FansMi piace
2,873FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

storie recenti