Accoglienza scuola dell’infanzia: una continua evoluzione

Progettare l’accoglienza scuola dell’infanzia

L’accoglienza scuola dell’infanzia nel corso degli anni ha subito una evoluzione.
La scuola dal suo canto ha un obbligo/dovere formativo, educativo che offre al bambino molteplici esperienze da condividere con altri bambini.
Ciò permette di crescere anche socialmente.

Importante è che il bambino rientrando a scuola trovi uno spazio sereno organizzato in base alle proposte educative.

La scuola consente al bambino di approcciarsi ad una vita più autonoma con tutte le implicazioni emotive che sono al centro dell’ attenzione scolastica che meritano un’ accoglienza idonea.

Ti consigliamo di leggere gli articoli giochi all’aperto; bonus asilo nido 2020;dolci per compleanni

Cosa si intende per accoglienza scuola dell’infanzia?


E’ importante a questo punto conoscere il significato di accoglienza.

Accogliere significa conoscere e rispettare i tempi e i bisogni del bambino correlando i progetti da attuare e portare a termine.
Accogliere significa dare la possibilità di giocare e di creare le condizioni per avere relazioni con i propri compagni ma anche con gli adulti con i quali il bambino prende contatto.
Pertanto, il Progetto Accoglienza ha come obiettivo quello di offrire ai bambini/e che per la prima volta vivono l’esperienza dell’ inserimento nella Scuola
dell’Infanzia
una situazione serena nell’ottica successiva di strutturazione formativa.
Le insegnanti, infatti, hanno potuto constatare che creando i presupposti di una buona accoglienza questo sviluppa nel bambino un atteggiamento positivo all’ambiente scolastico, di sicurezza e apertura a tutto cio’ che nel tempo gli verrà proposto;

Sicurezza nell’instaurare rapporti, con i nuovi spazi, materiali e regole.
Invece, un impatto negativo causato da rumori eccessivi, confusione, sviluppa nel bambino un atteggiamento di chiusura a tutto quello che gli verrà proposto.
E’ necessario, pertanto, soprattutto nei primi giorni cercare di instaurare un buon rapporto di ascolto-relazionale tra insegnante/bambino.

Tutto quello che abbiamo detto fin qui resta valido anche per i bambini di 4/5 anni.

Finalità dell’accoglienza scuola dell’infanzia


Creare un ambiente accogliente idoneo ad un inserimento graduale con un orario
flessibile che permetta di abituarsi ai ritmi dell’ intera giornata scolastica.
Instaurare un atteggiamento sereno e positivo che favorisca le relazioni
affettive tra pari e con gli adulti.


Obiettivi dell’accoglienza scuola dell’infanzia


Con la progettazione dell’accoglienza le insegnanti si propongono di promuovere:

  • un’ entrata a scuola piacevole ( accoglienza scuola dell’infanzia);
  • un graduale distacco del bambino dai genitori o dalle figure parentali;
  • l’incoraggiamento del bambino a muoversi con sicurezza negli spazi scolastici;
  • l’ esplorazione e la curiosità per i materiali didattici e di gioco;
  • la graduale accettazione di piccole regole di vita comunitaria.

Nei confronti dei genitori le insegnanti si propongono di :

  • stimolarli a lasciare i figli con serenità;
  • far capire l’importanza di una frequenza regolare del bambino;
  • incoraggiarli a partecipare e a collaborare senza timore alle attività
  • proposte;
  • ritenere la Scuola dell’ Infanzia come un luogo importante per la
  • crescita dei figli.

Le insegnanti a sua volta si propongono di:

  • promuovere un atteggiamento di collaborazione tra colleghi;
  • favorire l’ingresso dei bambini alla Scuola dell’Infanzia utilizzando
  • modalità, strumenti e strategie idonee ad ogni singolo bambino.

Spazi e materiali da utilizzare durante l’accoglienza scuola del’infanzia

L’ambiente privilegiato per l’ accoglienza è la sezione di riferimento nella quale il bambino inizia a muoversi a esplorare e familiarizzare.

Gli spazi devono essere aperti, modificabili, ordinati,regolamentati perché possano essere vissuti dai bambini in tutta sicurezza.

Chi sono i destinatari?


Tutti i bambini della Scuola dell’ Infanzia e loro genitori.

Attività da svolgersi nel periodo di inserimento


Durante la fase di accoglienza importante è favorire l’inserimento nel gruppo classe dei bambini/alunni.

Verranno proposte:
attività di gioco libero, giochi motori, attività grafico/pittoriche, attività di
routine, attività manipolative, canzoni, ascolto di
semplici storie, filastrocche e poesie.

Related Posts

Comments

Rimani connesso

20,829FansMi piace
2,506FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

storie recenti

Giochi educativi nei bambini: quali sono e dove si comprano

I giochi educativi bimbi da 1-3 anni sono una componente essenziale dell’infanzia.Infatti, dietro ad un semplice divertimento, il...

Dolci di Natale Pugliesi da fare durante le feste natalizie

Ricette dolci di Natale PugliesiDi seguito alcune ricette di dolci di Natale pugliesi da fare anche con i...

Dischetti struccanti lavabili: i migliori dischetti per rimuovere il makeup

Cosa sono i dischetti struccanti lavabili e riutilizzabili?I dischetti struccanti lavabili sono l’alternativa sostenibile ai classici dischetti di cotone idrofilo usa...

La casa di Babbo Natale: i villaggi e le case di Babbo Natale

Benvenuti nella Casa di Babbo NataleLa casa di Babbo Natale. Dove vive? In viaggio per la Lapponia.

Latte materno in frigorifero conservazione e congelamento

Latte materno in frigorifero: cosa fare e cosa è meglio evitareIl latte materno in frigorifero come si conserva?